Ultime News



I BISOGNI ELEMENTARI DEVI PAGARLI

Fino a ieri, nelle stazioni vigeva un catechismo elementare fatto di buona creanza e carità evangelica. Era possibile bere alle fontanelle con zampillo e fare pipì nei gabinetti pubblici. Piccoli segni di civiltà, di eguaglianza dei diritti elementari, attenzione ai bisogni primari della gente. Ora, gli italiani scoprono che le stazioni, a cominciare dalle più accorsate, negano la possibilità di bere e urinare gratis. Le fontane sono fossili di un'era gentile, monumenti alla clemenza evangelica del passato e l'acqua, su ...

E FOSSE SOLO DELOCALIZZAZIONE

I contratti di lavoro oramai a tempo determinato, il dissolversi di ogni garanzia, l'eclissarsi dei Tribunali del Lavoro e del Sindacato, il metodo di pensionamento tale da ridurre ai minimi termini la pensione, concessa solo in prossimità della bara. Tutto un insieme di cose che hanno "Americanizzato" la Società, privatizzato tutto e di fatto riportato il lavoro ai livelli del 1800.Ma non siamo gli Stati Uniti, che campano sulle rapine delle risorse e sul sangue di mezzo pianeta. L'Italia rischia ...

MATTARELLA E IL MERCATO DELLE VACCHE DENTRO IL CSM

Ma com'è possibile? Il presidente Mattarella è a capo di un organismo chiamato CSM e non è al corrente del mercato delle vacche che vi si svolge da anni al suo interno? Allora i casi possono essere solo due: o il presidente della Repubblica è incapace di controllare ciò che avviene nel massimo organismo della magistratura italiana, il che spiegherebbe almeno in parte come mai la giustizia si ridotta a un livello disastroso da paese del Terzo Mondo, oppure è ...

GLI STRANI

Qualche sera fa, nel Fare distrattamente “zapping” davanti alla tivvù, la mia attenzione andava a soffermarsi su Rai 3, nel bel mezzo di “Approdo”, il nuovo format di attualità e dibattito condotto da un Gad Lerner, intento a ridersela beatamente tra il filosofo e saggista Luciano Canfora ed il professore e politologo Marco Tarchi, ex “enfant prodige” ed animatore della allora Nuova Destra italiana. Argomento della serata, manco a dirlo, il sovranismo in salsa leghista. Dietro ai tre campeggiava, rivisitato ...

I MINIBOT, LA RANA E LO SCORPIONE

La reazione del potere finanziario, sostenuto dai settori mediatici, accademici e politici di servizio, alla possibile emissione dei cosiddetti Minibot somiglia all’antica favola della rana e dello scorpione. L’aracnide dal pungiglione velenoso doveva attraversare un torrente e chiese alla rana di trasportarlo sul dorso. Prudente, questa rifiutò, temendo di essere punta durante il tragitto. Rassicurante, lo scorpione osservò che non avrebbe potuto pungerla senza morire a sua volta annegato. Convinta dall’argomento, la rana decise di accogliere l’insetto, il quale, però, ...

MAGISTRATURA E PD: UNO SCANDALO CHE DURA DA TROPPO TEMPO

Il Procuratore generale della Cassazione Riccardo Fuzio ha avviato l’azione disciplinare nei confronti dei togati autosospesi dal CSM perché coinvolti nel caso Palamara (Gianluigi Morlini, Antonio Lepre, Corrado Cartoni e Paolo Criscuoli).Se venisse accertato ciò che è emerso pubblicamente ai danni del galoppino renziano Luca Lotti, non basterebbe mettere in galera solo i responsabili.Si dovrebbe procedere contro l’intera dirigenza PD per attentato contro la costituzione dello Stato.Perché saremmo di fronte, come ribadito dall’ex Procuratore nazionale antimafia e oggi eurodeputato PD ...

FIGLIE DI NOA

Son tutte belle le suicide dell’Occidente. La tecnica è la medesima. Quando una ragazza o una donna divengono “simboli” internazionali (personae, icone da propaganda) dobbiamo porci, da veri porci, di fronte all’ennesimo ballon d’essai, tale semplice domanda: “Questa ragazza, questa donna esiste o non esiste?”.Altri busillis sono inutili. A dirla tutta anche tale interrogazione è, per me, assolutamente oziosa. Che esista o meno una parthenos bionda, in Olanda, che risponde al nome di Noa Pothoven è, infatti, inessenziale.Ciò che residua ...

GIOVANI IN FUGA

Circa 300.000 giovani lasciano l’Italia ogni anno. Uno ogni cinque minuti. Negli ultimi dodici anni sono partiti 2 milioni di italiani. Quasi una famiglia su tre ha un figlio all’estero o che pensa di andarci. Secondo Confindustria questo esodo ci costa 14 miliardi all’anno di perdita di capitale umano. Dovrebbe essere la notizia di apertura di tutti i media, invece silenzio e rassegnazione. Non fa comodo a nessuno parlarne perché è la sconfitta del Sistema Italia e mette sotto accusa ...

IN MORTE DEL GLOBALISMO

Vicino a Putin, spesso accostato a Bannon, il principale ideologo dell’anti globalismo Aleksandr Gel’evic Dugin è in Italia per un tour con cui sta riempiendo le sale in molte città, dal nord al sud. Ritiene che il governo gialloverde abbia riportato l’Italia al centro dell’Europa, che ritiene una sola: da Lisbona a Vladivostok. Ne parla nel corso di una intervista rilasciata al collega Francesco Palmieri e pubblicata sul sito dell’Agenzia Giornalistica Italia.Intervista che riportiamo volentieri.Quando la Russia pensa all’Europa guarda ...

IL POPULISMO E' FINITO, ANZI E' RINATO TRE VOLTE

Nel frangente delle elezioni europee e dei mutati assetti internazionali ci siamo persi il populismo. Era la chiave di lettura dominante fino a qualche mese fa, poi diventò sottofondo e sottinteso, adesso è scomparso dai radar del nostro tempo e del nostro lessico. Difficile ora localizzarlo e non solo perché è una massa gelatinosa e volubile.Che fine ha fatto il populismo? Di mezzo c’è stato il tracollo dei 5Stelle, il movimento populista allo stato puro, nel senso di primitivo, grezzo, ...